Turkey

Turkey

map of Turkey

.

.

.

.


.

.

Turkey / Bodrum, Mugla
Fina, 29th September 2009

Bodrum Bazar

Bodrum Bazar

Turkey!
Finally we arrived in Turkey! For practical reasons Giacomo had decided that it would be better to leave Brancaleon at Kos where she was (our old lady will overwinter in a warm place then:)), so we would continue our voyage on the landway. There where only a few days left till I needed to start my new work in Antalya (1st of October) and before Bruno would need to take his flight back to Brazil (7st of October). Rita, Rica and Giovanni where more flexible in their dates, but still, as money-wallets haven`t actually “grown” in the last six weeks, going home was becoming always more urgent.

Ferryboat to Turkey

Ferryboat to Turkey

Interview with Cem and Murat (Mugla)

Interview with Cem and Murat

In the morning we took the ferry boat from Kos to Bodrum at around nine. It took us only 30 minutes to arrive from one site to another, but in Turkey, the “feeling” had already changed. Everything seemed to us much more different from what we were used to (Greece reminded us in many ways of Italy), and so we felt a certain “excitement” to be doing something even more “adventurous” now… We spent about three hours in Bodrum where we visited the local market and where we had our first cays – delicious, Turkish tea. I am a tea-zealot and I must say, that this treat of Turkish culture was immediately very likeable to me.

Cem and Murat

Cem and Murat

At three we took our bus to the city of Mugla, where we had a meeting with Kenan. Kenan is a student at the local University and has organized some intercultural projects by himself already. It was really really nice being his guest and I acutally feel ashamed, I haven’t continued my works on this website earlier.

Bruno, our host Emre, and Kenan
Bruno, our host Emre, and Kenan

He managed for us a meeting with the head of the band Cem Kocabiyik who plays the “Saz” instrument (also called “Baglama”, a type of roundbellied guitar) and who is also owner of the “Matizz Bar” (drunken bar) where we assisted their concert.

Giovanni, Meriç and his flatmate

In the early evening we made an interview to this Cem and also to the flute player Murat, later on we just danced to their music and drank some Raki, the national liquor reminding of Italian Sambuca. (- It shall be understood that the latter served only to satisfy our curiosity of getting to know all different aspects of Turkish culture.).

Turkey / Mugla
Fina, 30th September 2009

This morning – with a light headache – we were brought by Kenan, Emre and Meriç (the hosts of Rita and Giovanni) to Mugla University. There they were even able to make us giving an interview to the head of the music department Mr. Gürsan Saraç, and probably to one of the most important figures in classical music branche of Turkey!

Dönner-Dinner!
Dönner-Dinner!

This interview was a big honour, but unfortunately many things went wrong. Once more I realized how many things we must improve to make a good musical/ cultural research team one day. So what went wrong: we were too much in a hurry (I needed to take the bus to Antalya in lunch time) and I didn´t make Mr. Saraç feel comfortable during the interview (at least I think so). He was so full of enthousiasm for what he does and I just felt under time pressure. Really, the next project must be with much more time and preparation!

After this, we did also a short interview with Kenan, who gave us his point of view on Turkish culture and diversity. The things he explained over his speech in English sounded extremely interesting! Unfortunately there was no time of translating it immediately, which is why I know – with my poor poor Turkish knowledge – have the task to translate all of them in my spare time in Antalya. Please give me some time! And: I am really so so sorry for the delay…

.

Turkey / Bodrum, Mugla, Izmir, Istanbul…..poi Sofia, Zagabria, Venezia….Brisighella
Ricca, October 2009

Risveglio in Bulgaria

Risveglio in Bulgaria

Dal mare alla terra, vari i mezzi di trasporto utilizzati. In Turchia ci siamo spostati con il pullman (non sempre comodo e confortevole) ed il rientro in Italia è stato fatto con il treno; vari i paesaggi, gli incontri.

Ogni luogo, ogni persona con le sue caratteristiche, la sua personalità…..vedere le differenze, conoscere le usanze, i costumi ma soprattutto notare e sentire cosa ci unisce, muove e lega.

Il viaggio è avventura, sfida…….scoprire e svelare nuove parti di sé.

Alba confine Bulgaria Serbia

Alba confine Bulgaria Serbia

Per me questa è stata un’esperienza unica e più passa il tempo più mi rendo conto di quanto sia stata originale, affascinante, ricca di emozioni, di sentimenti, di incontri………il cuore si riempie ed esplode di gioia!!!!!

Tutto ciò partecipa e ci insegna ad essere “viaggiatori della vita”!!!!!! (espressione che adoro, usata da Paolo de Falco in un momento di confronto).

Ora, al termine di questo meraviglioso periodo insieme vi lascio con una poesia e vi consiglio di scorgerla sempre più nella vostra vita quotidiana……questa è la mia scelta…..naturalmente non poteva non essere un poeta turco!!!!!

.

Arrivederci fratello mare
Varna, 1951
Ed ecco ce ne andammo come siamo venuti
arrivederci fratello mare
mi porto un po’ della tua ghiaia
un po’ del tuo sale azzurro
un po’ della tua infinità
e un pochino della tua luce
e della tua infelicità.
Ci hai saputo dir molte cose
sul tuo destino di mare
eccoci con un po’ più di speranza
eccoci con un po’ più di saggezza
e ce ne andiamo come siamo venuti
arrivederci fratello mare.

di Nazim Hikmet

.

Fina, 3rd October 2009
Antalya, Turkey

Uli at our Goodbye Party! :-)
Uli at our Goodbye Party! :-)

After the first meeting with my new collegues in Antalya me and Bruno we took the bus together to go to Istanbul. We would have a little Goodbye Party at the Bed&Breakfast “Venistanbul”, of a good friend of Giacomo, Pascal! I also wanted to conclude our project with a last interview on Koran Erel (http://www.myspace.com/korhanerel), a musician who plays computer instruments designed by himself and analog and digital electronics.

looking for a Turkish carpet
looking for a Turkish carpet

Unfortunately we missed us saturday evening, so I will have to come back to Istanbul later one day. Yet, one very positive aspect of our good-bye evening was, that I met an old friend from Spain from over 7 years time again: Uli! Actually Uli is as German as I am – but we did a Spanish course in Galizia together and met there twice, in 2001 and 2002. A big honor to have her on our party!

.

Antalya, Turkey
Fina, 15th October 2009

Çay-"Partybus" somewhere on the road

Turkish "Partybus"

Though it doesn`t really make part of this blog anymore, just a few words regarding my “new life” here in Antalya: I am now working as an EVS – volunteer in the EU-Office of the “Akdeniz” (means “Mediterranean”, by the way… what a coincidence) University. I share a flat with Liene, a girl from Latvia, and Elena- una ragazza italiana! :-), a girl from Italy.

West of Antalya: "Kaputas Beach" (yes. I find it also very ugly.)

After the first two weeks of general confusion we now have divided our tasks in a good manner. Elena will take care on social activities for Erasmus students, Liene will take responsibility for activities with the Physical Faculty and disabled people and I will do works related to the office. We will all dedicate us also to project-writing tasks.

And one of the first things I will do is trying to get European Funds for Canto Mediterraneo! At least I am in the right place for this, I hope… Oh. And yes. MyraHerwith you`ll find also some photos of my excursion of last weekend. Myra, Kas, Kerkova Island and Saklikent Canyon! bye…..

Turchia: Bodrum, Mugla, Izmir, Istanbul.
Giovanni, ultima tappa

In 40 minuti raggiungiamo Bodrum, nei giorni trascorsi a Kos Fina è riuscita ad organizzare un incontro con Kenan un fantastico ragazzo studente all’ università di Mougla che ci ospiterà e sarà il nostro aggancio per il prossimo gruppo da intervistare.
Entriamo con il traghetto nel bellissimo porto di Bodrum, pieno di bellisisme barche, qui faremo la dogana per entrare in Turchia. Dopo un veloce giro della città andiamo subito ad informarci per il biglietto dell’ autobus che in poche ore ci porterà a Mougla.
Abbiamo del tempo per visitare Bodrum, ci si rende da subito contro di essersi catapultati in una nuova cultura, la gente, i mercati, le preghiere cantate dai minaretti, un traffico intenso, siamo in Turchia!!!!!
Una Terra e un popolo che amo, per me la seconda volta dopo il viaggio che qualche anno prima ho intrapreso a bordo della mia vespa, un viaggio di 7000 km che dall’Italia via terra mi ha coindotto in Kappadocia.
Dopo la visita di un bellissimo mercato della città, ci sediamo in un piccolo ristorantino che a prima vista non dava proprio una bella impressione ma che con qualche euro per persona abbiamo mangiato un meraviglioso kebab accompagnato ad dei piatti tipici del posto.
Nel pomeriggio in tre ore di un comodissimo autobus con gli hostes che ti servono da bere e da mangiare raggiungiamo mougla. Una volta giunti alla stazione troveremo Kenan, che ci porterà nell’ appartamento di un gruppo di suoi simpatici amici sempre studenti dove li conosceremo Emre un bravissimo artista, un pittore molto bravo e Meric che ci sapranno accogliere nel migliore dei modi.

La sera ci troviamo per le interviste e il concerto in un bellissimo locale gestito proprio da uno dei componenti del gruppo il grande Cem che anche lui ci ha trattati fin da subito come grandi amici.Un grosso ringraziamento anche al flutista e percussionista del gruppo Murat, gentilissimo e sempre disponibile a rispondere a tutte le nostre domande. Una serata meravigliosa, ci siamo proprio divertiti, loro molto bravi nel suonare la loro musica ricca di tradizione e noi altrettanto bravi a lanciarsi nei loro particolari balli insegnateci nell’ occasione.

Il giorno seguente sempre accompagnati dai nostri ormai grandi amici Kenan, Meric ed Emre, andremo in visita all’ università di Mougla, sono rimasto veramnete impressionato, una vera e propria città dello studente, tutto perfetto con campi di atletica, piscine, strutture molto curate, l’ entrata sorvegliata dalle forze dell’ ordine, veramente bella.
Qui incontreremo un simpatico professore che ci parlerà della storia della musica e della cultura turca.
Dopo aver salutato i ragazzi, anche il nostro gruppo si dividerà, Bruno e Fina alla volta di Antalya dove Fina vedrà la sua nuova casa e i suoi nuovi coinquilini. Io, Rita e Riccarda invece verso Instanbul con tappa a Izmir. Il nuovo punto di incontro sarà proprio ad Instanbul fra qualche giorno.
Ci ritroviamo in questi comodi bus, il mezzo di trasporto più usato per i lunghi spostamenti. Non manca nulla, l’ hostes per prima cosa passa con una salviettina umidificata al limone per rifrescarsi e pulirsi le mani, poi a intervalli di due o tre ore altro passaggio con biscotti, krekers vari, acqua, tè (chy), caffè, insomma ci aspetta un viaggio di 5-6 ore ma in gran comodità.

Arrivati a Izmir e con sempre meno soldi a disposizione si decide di cercare una sistemazione economica. Dopo qualche giro per la città convinco le ragazze a dormire in un alberghetto che con 8 euro a testa ci offre una stanza e tre letti, visto il prezzo non ci si poteva di certo aspettare una reggia….. Non c’ era  nulla che funzionasse, l’ acqua inesistente, i bagni sporchi, la struttura èra molto bella e aala fine come per questi 2 mesi siamo riusciti ad adeguarci anche in questa occasione.

Piccola visita al centro dove i negozi stavano ormai per chiudere, una cena con un kebab e poi a dormire nel nostro fantastico albergo a 5 stelle. Il giorno seguente abbiamo un intera giornata per visitare la città, alle 9 di sera prenderemo l’ autobus che ci condurrà ad Istanbul.

Izmir considerata dai giovani turchi una città molto moderna soprattutto al livello culturale, dove c’è uuna grande libertà di pensiero e di espressione preferita ancha alla più conosciuta Istanbul.
E in effetti si presenta una bella città, con un bellissimo lungo mare e dei quartieri molto vivaci e colorati dove da subito spicca una grande occidentilizzazione da parte dei giovani nei loro modi di vestire, di comportarsi.

Una visita al solito bazar ricco di bar, negozi che vendono qualsiasi tipo di merce.
Un giorno è comunque sufficente a mio avviso per visitarla. A sera dopo una accesa discussione con il taxista che voleva farci pagare un “supplemento turista” alla corsa fino in stazione ci prepariamo per il prossimo viaggio.
In attesa dell’ autobus  ad un tratto si iniziano a sentire grida, canti, cori, il continuo sbandieramento di bandiere turche e il rullio dei tamburi segnalava la partenza dei ragazzi al servizio di leva che in Turchia dura tre anni. Incredibile la festa degli amici che lanciavano continuamente in aria le nuove reclute ormai stordite dalla gran confusione e dall’ eccitazione della partenza che durava ormai da qualche giorno. Madri che urlavano e piangevano disperate per la partenza del proprio figlio.

Ma ecco finalmente giungere l’ ora della nostra parternza un viaggio che in 13-14 ore ci porterà  ad Istanbul.

Ed eccoci qua in questa splendida città, che per la seconda volta rimango catturato dal suo fascino. Dopo una ormai una collaudata lite con il tassista che stanco di gridare per tentar di farci pagare una cifra improponibile per il passaggio dato, ci butta fuori dal taxi. Raggiungiamo così a piedi lungo una ripida salita la meravigliosa casa di Pascal!!!!! Un amico di Giacomo di origine francese che vive a Venezia e che proprio in questi giorni sta ultimando i lavori nel suo bellissimo bedandbreakfast nel straordinario quartiere Fenel di Istanbul.
Qui ad accoglierci in modo unico Pascal e Typhoon due persone meravigliose che per 4 giorni ci hanno accolto in questa bellissima casa.

Non ci hanno fatto mancare mai nulla, una gentilezza estrema che ci faceva sentire a casa nostra. Una delicatezza mai sentita prima in quersto viaggio che ci ha rigenerato e ci ha liberato da parte delle fatiche di questo bellissima avventura. Una energia bellissima che ci ha avvolti per 4 giorni nei quali abbiamo potuto esplorare la città e soprattutto questo bellissimo quartiere dove il tempo sembra essersi fermato, dove le donne girano con il bourka, un estremismo che a volte può risultare ai nostri occhi fastidioso ma ricco di tradizione.

Dal terrazzo si può vedere il ritmo che scandisce la vita del quartiere, sembra di essere veramente in un film, i bimbi che giocano per le strade, il fornaio sotto casa che sforna le famose ciambelle al sesamo e gli uomini che arrivano di tutta fretta con i loro carrettini pronti a distribuirli per la città.

Le donne che lavorano ai ferri fuori dalla porta delle loro case. Case che sembrano in bilico, metà legno, metà mattone, a volte in lamiere in equilibrio precario.

Il pescivendolo che passa di casa in casa spingendo per la ripida salita in porfido il suo carro carico di pesce fresco. Non poteva essere più azzeccato il nome di questa bellissima casa “vera Istanbul “e in effetti è proprio qua che si respira la vera atmosfera di questa incantevole città, lontano dai soliti circuiti del turismo, dove si può incontrare gente vera, da subito un pò diffidente ma sempre pronta a darti un aiuto.
Dopo poche ore dal nostro arrivo ci raggiun gono Fina e Bruno, a notte fonda,  ci raggiungeranno anche Giacomo rimasto a Kos per ultimare i lavori su Brancaleon e Paolo regista amico di Giacomo.
In una di queste sere organizzeremo una festa in nostro onore, per il termine di questo lungo e straordinario viaggio.
Saranno 4 giorni bellissimi, dove avrò modo di conoscere ancora meglio questa straordinria e incantevole città ricca di fascino, che non si smette mai di scoprire, ad ogni angolo in ogni via in ogni quartiere così diverso tra loro si apre sempre un nuovo mondo, una nuova e inaspettata sorpresa, un nuovo incontro.
Un giro anche nell’ Istanbul più conosciuta, visiteremo il Gran bazar, ci lascieremo coinvolgere dai venditori di tappeti, ci perderemo volontariamente per le vie della città, visiteremo la moschea blu dove qualche anno prima giunto in vespa scattai una fotografia proprio davanti e avevo ancora la sensazione che ci fossero li con me i due compagni di viaggio Django e Thomas come se fossero li fuori con le vespe pronti a ripartire.
Giungerà il momento di salutarci, il viaggio è ormai giunto al termine.
Bruno tornerà in Brasile per la stagione estiva, per mandare avanti la sua agenzia, Fina diretta in una università in Antalya per 10 mesi, Io Rita e Riccarda decidiamo invece di affrontare il viaggio di ritorno in treno.
Un ultimo bellissimo viaggio dove in tre giorni attraverseremo la Bulgartia, la serbia, croazia e slovenia un viaggio tra i boschi e le verdi pianure di questi posti incantevoli……….

.

VERYSTANBUL

If you should ever have the chance to come to Istanbul we can very much recommend you the bed&breakfast Verystanbul, thanks to their good taste of design and their generous hospitality. It is run by our friend Pascal, he will be happy to help you for more information. Reservations you can make under this link. If you should prefer to stay more in the countryside, you could go to Kriska´s Home, a little bit further south of Istanbul. Here you will find beautiful nature and a natural hot spring to take a bath close by.

Many thanks again to Pascal and friends! :-)

6 Comments

Filed under Logbook

6 responses to “Turkey

  1. Ciao Fine take care hugs g

  2. MURAT

    hello friends…
    i am Murat who is from Muğla.remember? i am the flütist of the Matizz Bar :) i saw the photos.thank you very much.but i couldn’t see the videos :(( where are they?
    see you…
    MURAT

  3. hamamellis

    Dear Murat,
    as I wrote you, I am trying as hard as I can to do the videos after my working day… it´s hard… I will do them till the latest in my winter holidays, ok? Promised :o)
    Tesekkürler for your understanding…

  4. ela

    may ı came wıth you?

  5. hamamellis

    the next time we go you are welcome to join us! I´ll contact you on time.
    kind regards x

  6. Kenan, Meriç & Emre

    Heeyyy!!!

    It was a nice experience for us and we really liked you, your project, but unfortunately we couldn’t spend much more time with you. we hope next time will be better. actually we don t know who has written that writing but It is perfect thanks for everything. don t worry about videos because we know you re so busy.

    and we re waiting you again. all of you. please keep in touch with us.
    meriç, emre & kenan

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s